"A ciscuno il suo" di Leonardo Sciascia Gruppo di Lettura “Andrea Zanzotto”

Ci si incontrerà in Biblioteca alle ore 20.45 di mercoledì 28 ottobrebre 2020

per una chiacchierata su "A ciscuno il suo" di Leonardo Sciascia


Quando leggi un romanzo come questo ti rendi conto che la parola capolavoro andrebbe centellinata. Usata solo nei rari casi in cui la profondità di contenuto si accompagna davvero a una penna straordinaria, essenziale nella sua densità, intensa e allo stesso tempo piacevole. Così si potrebbe dire, senza rischiare di cadere nella banalità, che "A ciascuno il suo" è un vero capolavoro.

Tutto parte da un mistero, una lettera anonima contenente una minaccia di morte e un duplice omicidio in cui non si capisce quale sia la vittima predestinata. A indagare non è un efficiente poliziotto bensì un tranquillo e timido professore di italiano, guidato, tra l'altro, non da idealistica aspirazione alla giustizia ma da semplice, e un po' ingenua, curiosità. Facendo così leva sui meccanismi del giallo, Sciascia costruisce una narrazione scorrevole e incalzante che facilita l'accesso a un tema scomodo e amaro quale la denuncia sociale di una Sicilia di omertà, ipocrisia, corruzione e assuefazione alla connivenza malavitosa.

E' proprio il connubio tra l'ombra della mafia, che aleggia pesante come un macigno, e una scrittura vivace e ironica, di dialoghi brillanti e ricercata leggerezza, ad incatenare e stupire. Bellissime le atmosfere: i pettegolezzi al circolo, le chiacchiere in piazza al calar della sera, il decadente caffè Romeris avvolto nella polvere del suo antico splendore. Ben caratterizzati i personaggi, persino quelli che non fanno più di una veloce apparizione, che vanno a delineare le diverse sfaccettature dell'animo siciliano: furbo, rassegnato, lucido, divertito, corrotto. Ricchissime inoltre le citazioni letterarie.

Cosa manca a questo romanzo? Forse speranza. Se anche la Sicilia del commissario Montalbano è abitata da politici corrotti, religiosi conniventi, donne sensuali dal fascino ambiguo, alla fine, pur senza sgretolare i cardini del contesto sociale, viene offerta una qualche forma di giustizia. Qui no. Non c'è eroe. Non c'è giustizia. C'è solo una verità cui aspetta un destino di silenzio. C'è solo la realtà, dolorosa nella sua estrema attualità, a mezzo secolo di distanza.

Da leggere, assolutamente.

Il libro lo procura la Biblioteca.

Cos'è un Gruppo di Lettura?

Un Gruppo di lettura è formato da persone accomunate dal piacere di leggere e di parlare di ciò che hanno letto.

Il nostro GdL, non prescrittivo e libero. si riunisce di norma una volta al mese, secondo un calendario e dei percorsi o scelte di lettura condivise, proponendo letture "comuni" per poi riunirsi per confrontare senza pregiudizi e in modo informale le esperienze di lettura, i pensieri, le idee, i collegamenti che la lettura ha suscitato. Insomma un reciproco scambio per apprezzare la bellezza e la malia della letteratura

Puoi partecipare. Ti aspettiamo.

https://www.primiero.events/e/3322/a-ciscuno-il-suo-di-leonardo-sciascia
^ Top